Etichette

1984 (8) Aldo Vitale (1) Ambrassa (1) Ancilotto (2) Andrea La Torre (1) Avellino (2) Bailey (1) Banco! (9) bancoroma (13) Bantom (1) Baron (1) basket (7) Berlino (1) bertolotti (2) Bianchini (6) Big John Turner (1) Bodiroga (1) Bologna (6) Boni (1) Brasile (1) Brindisi (2) Busca (1) Cai Saragozza (2) Caja (2) calciatori (1) calcio (1) Calvani (5) campionato (6) Cantù (5) Caserta (4) Cessel (1) Cholet (1) Coni (1) Coppa Campioni (11) Coppa Italia (3) Coppa Korac (4) Corriere della Sera (1) Cournooh (1) cucina (8) Curva D'Ivano (9) Czyz (1) D'Ercole (2) Dalmonte (1) Datome (4) Di Fonzo (2) Edwards (1) Eliseo Timò (3) Eurocup (2) Eurolega (1) Europa (1) eventi (2) Eze (1) Falcao (1) Fantozzi (1) Fleurus (1) Gentile (1) Gervin (1) Gilardi (5) Ginevra (3) Green (1) grimaldi (1) Hackett (1) Il Messaggero (1) Imbrò (1) Jumaine Jones (1) Kea (4) Kidd (1) Larry Wright (11) Lawal (1) Lockhart (2) Lorant (2) Maccabi (2) Magnifico (1) Mayo (1) McAdoo (1) Milano (3) Montegranaro (3) Myers (1) nba (1) Obradovic (1) palaeur (3) Panathinaikos (1) Perugia; Venezia (1) Peterson (1) Pistoia (3) playoff (3) Polesello (3) premi (2) Premier (1) Ragazzi (1) Reggio Emilia (2) Repesa (1) retina d'oro (2) ricette (3) Rieti (1) Righetti (1) Riva (1) roma (6) Roseto (1) Rossini (1) sacripanti (1) Sakic (1) salvaggi (1) San Saba (1) Sarajevo (1) Sassari (3) Sbarra (3) scarnati (1) scudetto (1) serieA (12) serieB (1) Siena (5) Silins (1) Smith (1) Solfrini (4) Spagna (1) sport (4) Supercoppa (1) Sutor (1) Tambone (1) Taylor (2) Thomas (1) tombolato (2) Tonolli (4) trasferte (3) Treviso (1) Varese (2) Venezia (2) virtus roma (9)

lunedì 19 gennaio 2015

Cedevita Zagabria. Di risse, Cibona, Bancoroma, Repesa e Drazen Petrovic... (lunghetto, ma completo)

Mercoledì in Eurocup la Virtus sfida il Cedevita Zagabria, che in panchina ha Jasmin Repesa, ex allenatore della Virtus e anche della storica squadra di Zagabria, il Cibona. Tutto ciò avviene trent'anni dopo l'incrocio in Coppa dei Campioni col Cibona Zagabria.

Né il Bancoroma né il Cibona sapevano, il 16 gennaio 1985, che la partita del Palaeur sarebbe stato un passaggio di consegne tra la detentrice della Coppa e la futura vincitrice. Anche perché quel giorno vinse il Banco, nonostante fosse già chiaro che aveva di fronte uno squadrone. Il Cibona infatti poteva schierare 4/5 del quintetto base della nazionale jugoslava che era stata bronzo olimpico a Los Angeles. C'erano Nakic, Knego, Vukicevic e naturalmente i fratelli Petrovic. Mirko Novosel (Ct di quella Jugoslavia) neanche si degnava di allenarla per il campionato, quando lasciava spazio al suo vice allenatore Pavlicevic. Lui scendeva in panchina solo per la Coppa dei Campioni.

Drazen Petrovic era già Mozart. Pochi giorni prima, in un'esibizione, aveva fatto 60/62 al tiro da tre. Da una sua provocazione a Gilardi era nata la rissa tra Italia e Jugoslavia agli Europei del 1983. E fu rissa anche al Palaeur, al termine di una partita che il Banco aveva quasi sempre condotto, grazie al grande contributo sotto canestro di Flowers e Tombolato (Polesello giocò poco a causa della febbre), ma che non aveva saputo chiudere anche perché ogni volta c'era proprio Petrovic a riavvicinare il Cibona.



Clamoroso il finale: gli slavi sorpassano, vanno anche a +5 (76-81). Il Banco torna sotto grazie a Townsend, che lo riporta a -1 (86-87). E' proprio lui, a 11 secondi dal termine, a segnare da tre punti il canestro del sorpasso: 89-87. Ma 11 secondi sono tanti, soprattutto per chi fa Petrovic di cognome. E' Aza, non Drazen, a tentare il tiro da tre che darebbe la vittoria al Cibona. Townsend lo stoppa. Più probabilmente, lo ammettiamo, gli arpiona il braccio. L'arbitro, il polacco Paszucha, che due anni prima era stato il principale responsabile dell'eliminazione del Banco dalla Korac ad opera del Limoges, non fischia. Il pallone finisce tra le mani di Tombolato, che non lo molla più.

A quel punto Petrovic (Drazen) aggredisce un arbitro, lo stesso Novosel perde la calma e strappa lo stemma della Fiba dalla maglia di un altro arbitro, i giocatori in panchina prendono a calci i tabelloni pubblicitari e li fanno volare in campo, i giocatori del Banco non stanno certo a guardare... Anche perché, dopo la gara di Tel Aviv col Maccabi, sono ormai abituati alle risse...

Mercoledì 16/1/1985
Bancoroma-Cibona Zagabria 89-87 (46-41)
Bancoroma: Sbarra 2 (1/2), Iardella 2 (1/4), Townsend 18 (3/8, 4/5), Flowers 25 (11/16), Tombolato 19 (7/9), Gilardi 7 (1/3, 1/4), Polesello 3 (1/4), Scarnati n.e., Solfrini 13 (5/10), Valente n.e. All. Bianchini
Cibona: M.Nakic 2 (0/3), A.Petrovic 17 (1/2, 5/7), Bebic n.e., Cutura 26 (10/19), D.Petrovic 28 (8/14), Knego 6 (3/9), Vukicevic 6 (3/3), Usic 2 (1/3), I. Nakic n.e., Arapovic n.e. All. Novosel
Arbitri: Paszucha (Pol) e Mottart (Bel). Commissario Fiba: Avramidis (Gre)
Spettatori: 4300 Incasso: 21 milioni
Tiro: Bancoroma 38/65, CIbona 31/59. Tiri liberi: Bancoroma 14/16, Cibona 21/21. Tiri da tre: Bancoroma 5/9, Cibona 5/7. Rimbalzi: Bancoroma 25, Cibona 25

Tecnicamente parlando, quello è stato il punto più alto della storia della Virtus. Che dopo quella vittoria era contemporaneamente prima in Europa e prima in Italia. Le cose poi non andarono come si pensava a causa delle sconfitte interne con Maccabi e Real Madrid. E al ritorno il Cibona vinse così:



Il Cibona poi vinse addirittura la Coppa. E a fine giugno fu invitato alla Coppa Intercontinentale, dove c'era anche il Bancoroma, che aveva già De Sisti in panchina al posto di Bianchini e non riuscì a difendere il titolo conquistato nel settembre del 1984 in Brasile. Ma vinse 101-98 contro il Cibona campione d'Europa.

La resa dei conti finale però ci fu un po' di tempo dopo. Nell'agosto del 1986 a Palencia, cittadina della Castiglia circa duecento chilometri a nord-ovest di Madrid, nella finale di un torneo estivo. La cronaca: 37 secondi dopo l'inizio, Usic piazza una gomitata in faccia a Scott May, che la restituisce. Un minuto dopo lo stesso Usic replica sul sopracciglio di Polesello, che sfodera con un gancio destro ben assestato. Espulso, Fulvio esce tra gli applausi del pubblico, che non aveva gradito le scorrettezze del Cibona nelle partite precedenti del torneo. Drazen Petrovic segna da tutte le parti, ma il Bancoroma resta a contatto. Aza Petrovic, invece, provoca Gilardi, che replica “alla Polesello”. Non contento, il fratello di Drazen si rivolge da par suo alla panchina del Banco, da cui saltano fuori tutti. Ed è, appunto, tutti contro tutti. Bilancio: espulsi Aza Petrovic e Usic da una parte, Gilardi e May dall'altra (più Polesello). S'infortuna Bechini, che però prima, nella rissa, ha tenuto fede al suo soprannome di “Rambo”. Guerrieri e Novosel s'insultano a distanza fino alla fine, perché al banchetto finale gli organizzatori del torneo hanno cura di piazzare Banco e Cibona alle estremità opposte della sala...


Insomma, il Cibona avrà pure vinto la Coppa dei Campioni nel 1985 e nel 1986. Ma il Bancoroma s'è difeso bene sia a basket, vincendo due volte, sia nelle risse, dove come minimo ha pareggiato.


Poi, il Cibona l'abbiamo battuto nel 2007, con Repesa che ci allenava, anche se quella partita va ricordata per ciò che, in contemporanea, accadeva a Belgrado...


Se poi, in fin dei conti, volete sapere tutto non solo sulle risse col Cibona, ma sull'epopea del Bancoroma basket, non vi resta che leggere Banco! L'urlo del Palaeur

Nessun commento:

Posta un commento

Leggere con attenzione le regole del blog prima di pubblicare un commento.

Sono suscettibili di rimozione i commenti che contengano, nel testo o nel nome dell’autore:

- indirizzi di siti web, se non congrui o inviati a scopo promozionale
- pubblicità di prodotti o servizi a fini di lucro
- indirizzi email, numeri di telefono, indirizzi postali
- termini volgari o offensivi
- attacchi o valutazioni personali nei confronti dell’autore dell’articolo, o di altri
- contenuti estranei ai temi trattati nell’articolo (off topic)
- contenuti che sembrino poter offendere, provocare, umiliare qualcuno
- contenuti razzisti, sessisti, omofobici o violenti
- contenuti illegali o che predichino comportamenti illegali
- informazioni false o ingannevoli
- contenuti che possano costituire un pericolo per gli altri.